Clivense, Pellissier lancia il crowdfunding: obiettivo Serie A nel 2028

Per la prima volta in Italia un neonato club calcistico lancia un crowdfunding, con una quota minima di 250 euro per partecipare, e con l’obiettivo di arrivare in Serie A in otto anni. L’iniziativa del finanziamento collettivo viene dalla Clivense, società fondata nell’estate del 2021 da Sergio Pellissier per raccogliere l’eredità del Chievo sincerona dopo il fallimento. La Clivense ha festeggiato la promozione in Seconda Categoria con una giornata di anticipo. E lo stesso Pellissier, 43 anni, ha segnato una doppietta e ha fornito un assist nel decisivo 5-0 contro il Pozzo.

“Club come una famiglia”

Pellissier ha spiegato a RaiNews.it il senso dell’operazione: “Il senso è che credo nella squadra. Ho fatto per 23 anni il calciatore e credo che senza tifosi, senza persone che credono in un progetto, non si possa esistere. Il tifoso potrà dire ‘vado a tenere per la mia squadra’, e questa volta sarà sincero”. L’idea di Pellissier è quella di costruire un club che assomiglia a una famiglia: “Ho sempre pensato che la famiglia è quella che ti aiuta a superare qualsiasi difficoltà – ha spiegato -. E se tu hai una famiglia che crede nel tuo progetto, ecco che hai fatto bingo. Sono convinto che se credi in qualcosa e hai al fianco persone che credono come te nella stessa cosa riesci a ottenere risultati importanti”.

Serie A in sei anni

Il crowdfunding partirà il 27 aprile, e resterà aperto per 8 settimane. La quota minima ammonta a 250 euro con cui si maturano tutti i diritti patrimoniali, ed eventuali rivalutazioni e dividendi. Oltre alla partecipazione all’Assemblea annuale dei soci. Per poter partecipare alla nomina del cda bisogna versare invece una quota di diecimila euro. Ma, non essendo vietati patti tra soci, basta che i tifosi decidano di mettere insieme 40 quote per pesare anche nella nomina dei nuovi dirigenti. Agli investitori verrà presentato un business plan dove vengono fissano obiettivi ambiziosi: già il prossimo anno l’iscrizione alla Serie D, andando a rilevare il titolo del Chievo che è fermo in Figc. Entro 5 anni l’approdo in Serie B. E poi, sullo sfondo, il proposito che darebbe una secondo vita alla “favola del calcio”: la promozione in Serie A nel 2028, dopo appena 6 anni.

“Pensare sempre in grande”

“Devi avere sogni importanti, devi sempre sognare in grande se vuoi raggiungere traguardi importanti – ha spiegato Pellissier -. Se tu pensi in piccolo non riuscirai mai a raggiungere traguardi importanti. Quindi, sono un sognatore. Io nel mio piccolo sono riuscito a ottenere tantissimi risultati perché avevo la determinazione, il sogno, la voglia di ottenere tutto quello che potevo ottenere. Quindi ho puntato in alzato. Poi ogni anno vedremo cosa riusciremo a fare, ma serve puntare in alzato”.

Related Articles

Stay Connected

0FansLike
3,598FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Latest Articles